Congresso PD, Campo: “Con Schlein per affermare la centralità di diritti sociali, transizione economica e lotta alle disuguaglianze e discriminazioni”

Congresso PD, Campo: “Con Schlein per affermare la centralità di diritti sociali, transizione economica e lotta alle disuguaglianze e discriminazioni”

Dichiarazione di Paolo Campo, presidente della V Commissione Ambiente del Consiglio regionale

Il Partito Democratico ha davanti a sé una sfida politica fondamentale: definire una sua più precisa identità di sinistra per porsi con maggiore coerenza e credibilità alla guida, oggi, dell’opposizione rigorosa alle destre e, domani, di una maggioranza radicalmente riformista.

È il motivo per cui ho scelto di partecipare alla sfida anche culturale lanciata da Elly Schlein con l’obiettivo di vincere il congresso nazionale e guidare la nuova fase del PD.

Condivido appieno il suo punto di vista sulla centralità dei diritti sociali, a partire dal lavoro, la strategicità della transizione verso un’economia sempre più sostenibile, digitale e democratica, l’improcrastinabilità della lotta alle disuguaglianze e le discriminazioni di ogni genere.

Tra le priorità dell’agenda politica del Partito Democratico indico anche l’opposizione dura allo scellerato disegno di autonomia differenziata, tracciato dalla Lega per provare a recuperare voti ai danni delle comunità del Sud, e l’individuazione di nuove e più chiare forme di collaborazione e condivisione istituzionale tra lo Stato e le articolazioni territoriali del governo del Paese.

Il congresso nazionale del Partito Democratico deve essere vissuto e partecipato come occasione di confronto e dibattito anche per definire il quadro delle alleanze future, fondandolo su valori e idee realmente condivisi e non esclusivamente su tatticismi elettorali.

A chi dichiara di essere preoccupato che il Partito Democratico corra il rischio di frammentarsi e dividersi mi permetto di suggerire un approccio più sereno alla discussione politica e alla selezione democratica della leadership della nostra grande e bella comunità politica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *