Sfinge Celle di San Vito, la squadra di calcio del paese più piccolo della Puglia

La Sindaca: “Grazie a società, allenatore e giocatori. Importante per noi avere una squadra di calcio”. Solo 3 giocatori di Celle, gli altri provengono da Faeto, Castelluccio V., Stornara e Castelluccio dei Sauri. L’undici di mister Romano veicolo per far conoscere il borgo e promuovere sportività e accoglienza

“E’ vero, siamo arrivati ultimi ma abbiamo fatto conoscere il paese e la nostra ospitalità, quindi ringrazio società, allenatore, giocatori e tifoseria per averci regalato delle belle domeniche di sport e sana passione agonistica”. E’ con queste parole che la Sindaca di Celle di San Vito, Palma Maria Giannini, ha commentato la conclusione del campionato calcistico di terza categoria del girone unico di Foggia che ha visto la squadra del comune cellese, Sfinge Celle di San Vito, piazzarsi ultima in classifica con 13 punti. “Sono venute a Celle squadre dal Gargano e dal basso Tavoliere che non conoscevano affatto il nostro paese – ha proseguito la Sindaca – ma sono tutte rimaste colpite dalla bellezza del luogo e dall’accoglienza dei miei cittadini”. L’esistenza di una squadra di pallone in un paese di 140 anime non è cosa scontata. Anzi, mettere su un club di calcio nel piccolo comune cellese è stato quasi un miracolo.  “Siamo riusciti a fare una squadra di calcio con tre soli giocatori di Celle, gli altri sono di Faeto, Castelluccio Valmaggiore, Stornara e Castelluccio dei Sauri – ha dichiarato l’allenatore e capitano della squadra, Fabio Romano – Questi ragazzi hanno fatto un sacrificio notevole e a loro va il ringraziamento di tutto il paese. Per una realtà così piccola come la nostra, una squadra di calcio acquisisce una rilevanza sociale importantissima – ha proseguito Romano – vogliamo continuare questo progetto nonostante le difficoltà sia di natura economica sia di natura logistica”.

Sfinge Celle di San Vito ha giocato la sua ultima partita domenica 1 maggio perdendo in trasferta 4-1 contro il San Nicandro 2019. Sconfitta costata proprio l’ultimo posto in classifica. Il campionato è stato vinto, dopo 22 giornate, dal Maracanà San Severo che è stato promosso in seconda categoria. Ai play off sono andati Atletico Apricena, Sporting Manfredonia, Uniti per Cerignola e Sant’Agata di Puglia.

I giallo verdi cellesi hanno giocato le partite in casa nel bellissimo campo comunale “Argaria”. Alle partite casalinghe hanno assistito anche tifosi provenienti dai paesi limitrofi come Faeto o Castelluccio Valmaggiore. Il miglior marcatore della squadra è stato Giannini con 10 reti realizzate.

Lo score di fine stagione ha visto i ragazzi di mister Romano vincere 4 partite, pareggiarne 1 e perdere 17 volte. I gol fatti sono stati 35, quelli presi 81. “E’ vero, non sono buoni numeri – ha concluso Fabio Romano – ma il Covid ci ha penalizzato in maniera importante. L’anno prossimo vogliamo migliorare e siamo convinti di poter disputare un campionato molto dignitoso.”

Il presidente del club, Michele Romano e la vice-presidente Maria Cavoto hanno comunicato la volontà di ottenere, per la prossima stagione, il nulla osta dalla Regione Puglia per emigrare in Campania e poter così disputare la terza categoria campana, un campionato che società e staff tecnico ritengono più  vicino alle caratteristiche e alle esigenze della squadra.

“In ogni caso, ce la metteremo tutta per dare continuità al progetto e per migliorare: la prima competizione è quella con noi stessi, una sfida per fare meglio di quest’anno, continuare a divertirci e a offrire la passione del calcio dal vivo anche nel paese più piccolo della Puglia”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.